Progressioni Economiche. Noi troviamo il modo di farle, i soliti noti il modo di guastarle

Oggi, come già vi avevo annunciato, ci siamo riuniti per l’accordo sulle progressioni economiche.

La nostra proposta non è stata accettata: si faranno i quiz .

Ovviamente non abbiamo firmato; vi terrò informati sull’andamento in itinere.

Qualunque commento è inutile; di seguito la nostra proposta

Proposta Confintesa F.P.

Criteri progressioni economiche – Accordo integrativo

Tali sviluppi economici rimanendo interni all’Area di operatività non prevedono modifiche sostanziali di competenza del lavoratore invece devono riguardare il giusto adeguamento stipendiale del lavoratore al costo della vita parametrato agli anni di anzianità. Tale adeguamento, che ad oggi non è garantito come previsto dagli artt. 73, 74 e 75 del CCNL 12/2/2018, non deve basarsi su valutazioni sostanziali di competenza e valutazioni di merito bensì sull’armonizzazione degli incrementi stipendiali equi per tutti i lavoratori di ciascuna area. Ciò rende inopportuno all’interno dell’articolato qualunque clausola di valutazione tramite Test e Valutazioni del Dirigente che rispettivamente ricadrebbero sull’amministrazione come inutile peso economico e di usura stampanti gli uni e mortificazione del personale gli altri personale che, invece di poter presentare effettivi titoli sul lavoro espletato deve ridursi a valutazioni sommarie e soggettive. Ricordando che le ultime progressioni economiche sono avvenute in considerazione di anzianità e titoli di studio e sul lavoro espletato. Non potendo far progredire tutti, per assenza di fondi, una possibile garanzia sarebbe imporre la clausola di esclusione di chi ha ultimamente progredito almeno nei casi di parità di punteggio e come seconda clausola premiare la maggiore anzianità. Ovviamente la maniera più opportuna sarebbe l’individuazione dei fondi per la progressione economica di tutti.

Ribadendo l’inopportunità e lo spreco finanziario e di usura dotazioni (macchine/carta) dell’utilizzo dei test si fa notare che il numero di quiz per gli esami non garantiscono maggior competenza ma solo maggior memoria.

Per evitare di scalzare il personale che non ha progredito 10 anni fa reinserire il punto 4, mancato conseguimento della progressione economica all’esito delle procedure effettuate presso il MIT in punti 10. Numeri salvaguardia ipotetici visto che non si posseggono dati sul personale, mancano le piante organiche dal 1994.

In ultimo la nostra proposta purtroppo in teoria, dovrebbe essere ascoltata se non altro perché grazie alla nostra posizione siamo riusciti ad abbassare al 3% la somma devoluta dal FUA dei livelli ai dirigenti .

 

Nota a verbale inerente l’incontro avuto in data 29 gennaio 2019 sulla costituzione dell’Agenzia ANSFISA(DL28/09/2018 n.109 Decreto Genova)

Nota a verbale inerente l’incontro avuto in data 29 gennaio 2019 sulla costituzione dell’Agenzia ANSFISA(DL28/09/2018 n.109 Decreto Genova)

 

La scrivente O.S. manifesta le sue molteplici perplessità sulle argomentazioni espresse dalla parte politica durante la convocazione richiesta dalle parti sindacali.

Le perplessità nascono nel momento in cui vengono delineate a sommi, molto sommi, capi le attività, la composizione ed i compiti della nascitura Agenzia; ci è stato detto che, per la costituzione, rimarcherà le Agenzie del MEF.

Considerando che ancora non vi è luce sul riordino del Dicastero né sulle piante organiche ferme dal 1994 ci chiediamo su che base si può costruire non solo l’Agenzia ma qualsiasi nuovo settore operativo nel nostro Ministero, un Ministero oltretutto fermo sotto il profilo professionale (formazione) ed economico da innumerevoli anni.

Noi chiediamo a viva voce, a questo che si dichiara “Governo del cambiamento”, un vero cambiamento fatto di incontri chiari e propositivi con le parti sindacali, che non dimentichiamo rappresentano i lavoratori.

Considerando che veniamo da un periodo buio in materia di relazioni sindacali, questo potrebbe essere sicuramente un segnale forte e chiaro di cambiamento da noi tutti auspicabile.

 

 

Progressioni economiche Incontro del 22 gennaio

Stamane siamo stati convocati dal Capo del Personale, Dott. Finocchi, per accordarci sulle tanto agognate progressioni economiche. La situazione è ferma considerato che noi non accettiamo la proposta dell’Amministrazione di fare svolgere i quiz.

Purtroppo la nostra voce non faceva parte di un coro ma era solista. Aggiornamento al 5 febbraio p.v.

AUGURI

Un altro anno è passato
Abbiamo portato a casa molte soddisfazioni grazie al contributo di tutti voi e soprattutto grazie al nostro Segretario Generale che ci ha messo nelle condizioni di poter agire per il meglio nei confronti dei lavoratori del Pubblico Impiego .
L’appartenenza a Confintesa è motivo di orgoglio, il Sindacato che si differenzia tra tutti gli altri, ma questo voi lo sapevate già.
Auguri a tutti voi, auguri a tutti noi

MIT news

Abbiamo avuto il 10 u.s. un incontro fiume con l’Amministrazione avente per oggetto le progressioni economiche ed eventuali correttivi da apporre al manuale dell’OIV.

Progressioni economiche

Stiamo insistendo per escludere chi ha già progredito
omettendo totalmente l’idea dei quiz ed in ultimo per fare un progetto serio di progressioni in due tre anni che copra tutto il personale
Incontro aggiornato alla prima quindicina di gennaio

OIV 

stiamo tentando, in questo caso c’è unitarietà di intenti da parte di tutte le sigle, per lasciare le cose come stanno e non avventurarci nelle follie aberranti proposte dall’amministrazione copiate dall’Avvocatura dello Stato.
Auguri di Buon Natale a voi e tutti i vostri cari da parte di tutto lo Staff del Coordinamento MIT, con l’augurio che il 2019 sia foriero di buone novità.

FUA 2018

Fua 2018: per due anni, 2015 e 2016, non abbiamo firmato poiché non ci venivano concesse le progressioni economiche: le ultime riguardanti il 20% del personale sono avvenute sei anni fa.
Considerato che grazie al solo nostro apporto la percentuale del FUA dei livelli che veniva data ai dirigenti per il raggiungimento degli obbiettivi è scesa dal 9,50 al 3 % risparmiando oltre un milione di euro, quest’anno si è finalmente parlato di progressioni economiche e passaggi di area.
l’Amministrazione ha proposto di far progredire un altro 25 % del personale, escludendo così come noi avevamo richiesto, coloro i quali avevano già progredito la volta precedente.

La differenza dalla volta precedente che prevedeva una graduatoria formata da parametri come titolo di studio, anzianità , è  che si vuole aggiungere una prova di quiz. A parer nostro, e dei lavoratori, la cosa non è assolutamente equa ma addirittura discriminante.
La nostra posizione dichiarata al Capo del Personale è stata di non porre la firma se non alle condizioni delle precedenti progressioni economiche.

Siamo stati riconvocati il 10 dicembre per ridiscuterne.

Incontro con il Ministro Toninelli

Oggi, 23 novembre,  abbiamo incontrato, anche se per pochi minuti, il Ministro Toninelli. L’impatto non è stato negativo, consideriamo che il precedente Ministro Delrio non si è mai degnato di ricevere nessun sindacato; le sue parole sono state positive sul voler rivalorizzare il nostro Ministero cominciando dalle assunzioni di personale che, come da noi sempre denunciato, in particolar modo nelle sedi periferiche è in media al 50% dell’organico.
Ovviamente bisognerà vedere quello che farà e gli faranno fare: nell’occasione abbiamo consegnato brevi manu una proposta riguardante le tessere di libera circolazione e di Polizia Stradale , qui di seguito il testo:

“Gentile Sig. Ministro,

desideriamo proporLe un’occasione per mettere in evidenza il prezioso aiuto all’utenza da parte del personale del nostro Dicastero.

Partendo dalla lodevole iniziativa di estendere la funzione di esaminatore per il conseguimento della patente di guida a tutto il personale del MIT, peraltro giustamente pubblicizzata, si voleva proporre di “sfruttare” il grande potenziale del personale utilizzandolo per infoltire i controlli della Polizia Stradale ed istituire un Ispettorato del Ministero sui mezzi pubblici.

Cominciamo dal personale di coadiuvo alla Polizia Stradale, Le ricordiamo che già un congruo numero di dipendenti è stato formato ed è in attesa di corsi di aggiornamento; si fa presente che già esistono tre Servizi : uno si occupa di educazione e divulgazione del Codice della Strada presso tutte le scuole, uno del controllo della segnaletica e strutture stradali, in ultimo uno si occupa della prevenzione ed accertamento per violazione del Codice della Strada affiancando il personale impiegato della Polizia Stradale e Locale.

Per quanto riguarda le ispezioni sui mezzi pubblici, basterebbe far fare un corso, di breve durata, avendo come formatori il personale scelto dalla Direzione Generale del Trasporto Pubblico Locale.

I dipendenti viaggianti sui mezzi pubblici, con esposto il cartellino di riconoscimento segnaleranno, all’occorrenza, eventuali disservizi sia al Ministero, sia alla Società che gestisce il trasporto. Spot pubblicitari, ove l’utenza potrà constatare la presenza dei colleghi sulle strade che coadiuvano la Polizia Stradale, Ispettori che sono sui mezzi pubblici manderanno il messaggio che esiste un servizio per i cittadini da parte del MIT che sposa in modo inequivocabile la linea governativa del Governo del cambiamento.”

 

 

 

 

 

 

BUONI PASTO

ci siamo riusciti….!!! la nostra perseveranza insieme all’impegno di ognuno di Voi ci ha premiato….!!!

Dopo varie e continue iniziative relativamente ai buoni pasto “Qui Ticket”, la questione si è positivamente risolta.

Da giorni i vecchi buoni pasto residui “Qui Ticket” sono e saranno caricati sulle nuove card “Day Tronic”.

E’ comunque una bella soddisfazione, viste le forti resistenze da parte dell’Amministrazione.

Il nostro continuo impegno per tutti i colleghi è andato anche questa volta a buon fine..!

Grazie a ognuno di Voi!!!

incontro con la Direzione Generale della Motorizzazione : corsi per esaminatore

Oggi finalmente abbiamo avuto l’incontro con la Direzione Generale della Motorizzazione per corsi di esaminatore da noi richiesto più volte.

In sintesi l’incontro preliminare per la bozza della circolare del Capo Dipartimento Trasporti su i corsi di qualificazione iniziale per esaminatori conseguimento abilitazioni alla guida.

Intanto bisogna precisare che, come era ovvio, i corsi sono mirati per il personale delle strutture periferiche ed in seconda battuta per tutto il personale del MIT.

Abbiamo insistito, quasi unitariamente, su due punti a nostro avviso focali : il primo è l’estensione a tutta la seconda fascia per la partecipazione al corso; il  secondo è il superamento del nulla osta da parte del dirigente o direttore condizione necessaria per poter partecipare.

Abbiamo ribadito il concetto che vista la situazione emorragica della Motorizzazione bisogna andare oltre l’eventuale ostracismo della parte dirigente.

Al più presto saremo di nuovo convocati, almeno ce lo auguriamo.

 

FUA 2017

Ieri 8 ottobre siamo stati convocati per sottoscrivere il FUA 2017. Così come avevamo richiesto, in caso contrario non avremmo firmato, finalmente partiranno le progressioni economiche ed i passaggi di area ; abbiamo comunque formulato una dichiarazione congiunta dove poniamo il limite del 31 gennaio 2019  per far partire l’iter dei corsi concorsi, pena il ritiro della firma.

Per quanto riguarda  l’accordo sui criteri di attribuzione del premio individuale noi non abbiamo firmato: tenete presente che quando arriva il momento della valutazione del personale comincia la via crucis della dirigenza del nostro coordinamento per far cambiare valutazioni date “a capocchia” da parte dei dirigenti/direttori su persone che qualche volta addirittura nemmeno conoscono. Di seguito la nota a verbale che abbiamo consegnato.

La scrivente O.S. non sottoscrive l’accordo sui criteri di attribuzione del premio individuale poiché critico non nelle sostanza ma nel metodo di applicazione. Criteri non oggettivi ma soggettivi.

Si ricorda che a suo tempo noi non accettammo il manuale dell’O.I.V. ; il tempo,purtroppo, ha convalidato il nostro pensiero   visto che in seguito si sono compiute fior di ingiustizie nella sua applicazione.    Ci auspichiamo che, così come ci è stato detto, si effettuino dei correttivi determinanti al testo.

Roma 8 ottobre 2018